martedì 11 novembre 2014

DUE DI DUE

Eravamo noi due, qualche anno fa. E una canzone. E ci cercavamo, quando il dj suonava la nostra canzone. E' andato tutto con molta calma; d'altronde me l'hai detto tu, e i fatti lo dimostrano, che la passione come un fuoco divampa, e poi si spegne.. Son passati quasi dodici anni, e io gli ultimi due te li ho resi difficili, ti ho fatto diventare quello che non sei, sono scappata con un treno, con la testa, con il cuore, ti ho mandato via, ma poi tu sei tornato, e sono tornata anche io, e piano piano il muro della gioia che era caduto, bè, lo stiamo ricostruendo, anche se questo anno, è stato una merda, anche se queste pareti hanno visto più lacrime, di entrambi, che felicità, ma hanno visto anche il nostro amore, e te chino su di me come un infermiere, che mi asciughi le lacrime anche se poi fai lo stronzo e dici smettila, reagisci..ma poi ti senti in colpa e mi chiami quattro volte..
Fino a qui siamo arrivati, noi che avevamo pianificato tutto: noi, il lavoro, un figlio..anche se un bimbo non c'è ancora, perché per noi, che avevamo tutto, il Signore ha previsto una prova speciale, che dobbiamo superare, per averlo, perché dobbiamo imparare, DEVO imparare, che la vita va vissuta così come è, senza invidia, senza piangere, e soprattutto senza pensare che sia tutto scontato.
Non so più se sono quella bella persona di una volta, se questa esperienza mi ha cambiato, credo però in noi, DUE DI DUE, felici, insieme, che forse, con un po' di ottimismo, saremo DUE DI TRE.
Spero di donarti, per questo Natale, un po' della serenità che ti ho tolto.


E ancora una volta, ti dedico questa




 

3 commenti:

  1. Ti abbraccio perché so, sappiamo cosa state passando e cosa avete passato. Questo post avrei potuto scriverlo io... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, peccato che io non sono brava come te a trasmettere le emozioni.. in tante delle quali mi ritrovo.. ce la farai, credici , devi avere pazienza, molta pazienza.. purtroppo per noi che sono anni che aspettiamo di abbracciare il nostro bambino ogni giorno in più è un' eternità, ogni ciclo che arriva un colpo al cuore.. Ti ringrazio, per la tua vicinanza, per il tuo blog che mi tiene compagnia ogni giorno, perché ti immagino quando ti descrivi, in tiro, con il tacco 12 o quando ti buchi.. grazie, perché mi fai ridere e piangere. Un abbraccio forte forte

      Elimina
    2. Mi commuovi! Grazie a te cara :)

      Elimina